Come ci si iscrive a psicologia?

 

Innanzitutto vorrei fare una precisazione, dovuta al fatto che mi è capitato di leggere su internet alcune informazioni molto errate, tutte basate sulla seguente informazione (errata): puoi iscriverti a psicologia solo se hai fatto una scuola superiore inerente. 

Ebbene, ci tengo a precisare che ASSOLUTAMENTE NO, non è così!

Per iscriversi a un qualsiasi corso universitario quello che è necessario è un qualsiasi diploma di maturità.

Non è assolutamente vero, quindi, che può iscriversi a psicologia solo chi ha frequentato l’istituto socio-psico-pedagogico -o attuale liceo delle scienze sociali: ad esempio, io ho frequentato il liceo scientifico, formazione che, anzi, mi è stata molto utile durante il percorso universitario, il quale comprende esami di neuroanatomia, biologia, statistica, metodologia della ricerca, informatica e inglese.

Allo stesso modo, se io voglio fare l’ingegnere ma ho fatto un liceo classico, quindi una scuola umanistica, posso iscrivermi al corso di laurea in ingegneria: non c’è nessun vincolo. 

 

Arriviamo ora al nocciolo della questione: come ci si iscrive a psicologia?

  • LAUREA TRIENNALE: generalmente per iscriversi al corso di laurea triennale in psicologia è necessario sostenere un test d’ammissione poiché l'accesso è a numero chiuso. Sto parlando ovviamente per quanto riguarda, almeno, le università pubbliche, statali, perché invece per quanto riguarda gli istituti privati ogni istituto si amministra come preferisce. Solitamente, quindi, le statali sono a numero chiuso. Potete trovare queste informazioni nei siti web delle università dove vorreste iscrivervi, solitamente nella sezione “avviso d’ammissione”. E’ importante sapere che i corsi di laurea triennale, anche se denominati "a piacere" dalle varie università (ad es.: Psicologia della Personalità, Scienze Psicologiche sociali e del lavoro, Psicologia dell'Educazione, etc.) , afferiscono tutti alla classe delle lauree in scienze e tecniche psicologiche, attualmente classe L-24 exD.M. 270/04.
  • LAUREA MAGISTRALE: per quanto riguarda, invece, la magistrale, anche qui dipende da università a università, ma solitamente (sempre per quanto concerne le statali) l’accesso è a numero chiuso! I criteri di selezione possono spaziare dall'esito di un test di ingresso, al voto di laurea, ad un punteggio stilato sulla votazione degli esami di psicologia. Come per l'ammissione al corso triennale, potete trovare queste informazioni sull’"avviso d’ammissione" presente nel sito della vostra università. I corsi di laurea magistrale, anche se denominati “a piacere" dalle varie università (es.: Psicologia Clinica, Psicologia del Lavoro, Neuroscienze, Psicologia dello Sviluppo, etc.), afferiscono tutti alla classe delle lauree magistrali in psicologia, attualmente classe LM-51 exD.M. 270/04.


Infine, ci tengo a precisare che per esercitare la professione di Psicologo non è sufficiente la laurea magistrale: bisogna infatti, dopo aver effettuato un tirocinio di 12 mesi, abilitarsi all'esercizio della professione ed essere iscritti alla sezione A di un Ordine degli Psicologi di qualsiasi Regione (puoi leggere qui il percorso da intraprendere per diventare psicologo!).

 

 

Dott.ssa Giorgia Salvagno

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0