Domande frequenti: Costi, Modi, Tempi, Privacy...


 

A) Come posso verificare se il mio Psicologo è davvero chi dice di essere e non sta commettendo un abuso di professione?

Per eseguire questo controllo, vi è uno strumento molto rapido ed efficace: l'Albo online degli Psicologi Italiani! Consultarlo, infatti, vi permette di verificare se il vostro psicologo è davvero chi dice di essere. 

Eseguire il controllo è molto semplice: è sufficiente cliccare qui e inserire il nominativo della persona. 

Inoltre, verificate sempre anche il percorso di studi della persona cui vi rivolgete, che deve aver necessariamente raggiunto le 5 tappe qui descritte per poter esercitare la professione dello Psicologo.

 

 

B) Lo psicologo è tenuto al segreto professionale?

Certamente! Lo psicologo, come da Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, è strettamente tenuto al Segreto Professionale (art. 11-17 del Codice), derogabile solo previo valido e dimostrabile consenso del cliente o per ordine dell'Autorità Giudiziaria, o qualora si prospettino gravi pericoli per la vita o per la salute psicofisica del cliente e/o di terzi. 

 

 

C) Quanto durano i singoli incontri con lo psicologo?

Nel mio Studio, le sedute individuali durano 50 minuti

Per quanto invece riguarda sedute di coppia, familiari o di gruppo, la durata è di un’ora e mezza.

 

 

D) Ogni quanto è necessario incontrare lo psicologo?

Determinare a priori la frequenza -e la durata- di un percorso psicologico è difficile, in quanto è necessario tenere conto delle caratteristiche di ogni persona e degli obiettivi con lei individuati, oltre che del momento del percorso psicologico in cui la persona si trova. La frequenza, infatti, non è stabile ma può variare. 

E’ possibile, comunque, fornire alcune indicazioni: le sedute individuali, generalmente, hanno cadenza settimanale o quindicinale, mentre quelle di coppia, familiare o di gruppo quindicinale o mensile

 

 

E) Posso interrompere in qualsiasi momento?

Certo, si è liberi di interrompere il percorso psicologico in qualsiasi momento.

Ciononostante sarebbe più opportuno, se la persona lo desidera, avvisare il professionista in modo da concordare un’ultima seduta di sintesi e conclusione del percorso.

 

 

F) Quanto costa rivolgersi ad uno psicologo?

Il costo varia in base alla tipologia della seduta (se individuale, di coppia, familiare o di gruppo) e alla tipologia dell’intervento richiesto (se consulenza-sostegno, diagnosi, etc.). Tiene inoltre conto dei compensi indicati dal Consiglio Nazionale degli Psicologi.

Per un colloquio di consulenza o sostegno psicologico, applico le seguenti tariffe:

  • colloquio individuale di consulenza o sostegno psicologico in presenza in Studio: 50,00€ per 50 minuti
  • percorsi individuali di sostegno psicologico comprendenti la tecnica EMDR in presenza in Studio: 60,00€ per 50 minuti
  • colloquio individuale di consulenza o sostegno psicologico in presenza a domicilio (Venezia, Mestre isole e limitrofi): dai 65,00€ ai 75,00€ in base alla distanza geografica e per 50 minuti
  • colloquio di coppia di consulenza o sostegno psicologico in presenza in Studio: 60,00€ per 90 minuti
  • percorsi di sostegno psicologico di gruppo in presenza in Studio: 20,00€ a persona a incontro, per 90 minuti
  • consulenze psicologiche individuali erogate a distanza, via Skype: 50€ per 50 minuti
  • percorsi di training autogeno individuali in presenza in Studio: 400,00€ complessivi per 8 incontri di 50 minuti, onnicomprensivi e rateizzabili

A tali tariffe va aggiunto il 2% di esse, relativo ai Contributi Previdenziali ENPAP dello psicologo: ad esempio, se la tariffa è di 50€, il 2% corrisponderà a 1€ e l'importo totale della fattura sarà quindi di 51€.

 

 

TARIFFE CALMIERATE:

Offro la possibilità di uno sconto del 20% per i colloqui in Studio e per i percorsi di rilassamento con il Training Autogeno, oltre che una riduzione del 10% per i colloqui via Skype o a domicilio.

La riduzione è riservata a studenti universitari o post-laurea (master di I e II livello, scuola di specializzazione, dottorato Ph.D).

 

Per agevolare le persone in stato di disoccupazione, aderisco, inoltre, al progetto nazionale "Psicoterapia Aperta", avente il fine di promuovere l'accesso ai servizi di salute mentale e psicologica anche alle persone meno abbienti. Puoi cliccare qui per maggiori informazioni.

 

 

CONVENZIONI:

Presso il mio Studio sono attive convenzioni con:

  • Dipendenti delle Aziende Gruppo Enel (FISDE)
  • Guardia di Finanza
  • Dip.to Amm.ne Penitenziaria
  • Arma dei Carabinieri
  • KIWANIS Prevenzione e Lotta al Bullismo e Cyberbullismo
  • Infermieri del Collegio IPASVI (in attesa di conferma)

La convenzione si esplica in un primo colloquio gratuito e in una riduzione del 20% della tariffa per i colloqui successivi.

 

 

G) Quali metodi di pagamento sono accettati?

Offro la possibilità di diversi metodi di pagamento:

  • contanti
  • bonifico bancario
  • pagamento tramite bancomat/carta di credito tramite il lettore Sum Up (per verificare gli standard di affidabilità e privacy potete consultare il sito web https://sumup.it)

 

H) La spesa del servizio psicologico si può detrarre?

, grazie alla fattura rilasciata regolarmente al termine di ogni seduta (sia in presenza che online) la prestazione si può detrarre in quanto prestazione sanitaria, esente IVA.

 

 

I) Le tariffe dello psicologo di cosa tengono conto?

  • Prestazione professionale;
  • anni di formazione universitaria e post-universitaria;
  • strumenti di lavoro (test, questionari, materiale di cancelleria);
  • spese legate allo Studio, come affitto ed utenze;
  • circa 150€ annuali per l’iscrizione all’Ordine degli Psicologi (nel mio caso, della Regione Veneto);
  • assicurazione professionale annuale;
  • contributi previdenziali (ENPAP);
  • tasse;
  • commercialista.

 

L) Lo psicologo è tenuto alla trasmissione dei dati delle fatture all'Agenzia delle Entrate?

A seguito del D.Lgs. 175/2014 e del DM 01.09.2016, lo psicologo (alla pari di veterinari, medici, dentisti, ostetrici, infermieri, etc.) è tenuto a inviare elettronicamente al Sistema Tessera Sanitaria (STS) i dati contabili relativi alle spese sanitarie sostenute dai suoi clienti. Tali informazioni confluiranno nell'eventuale mod. 730 precompilato del cliente.

 

Il cliente può opporsi a tale trasmissione dei dati, prima dell'emissione della fattura, tramite specifica richiesta verbale, che verrà annotata sulla fattura stessa. 

I modi in cui il cliente può manifestare la propria opposizione, sono due:

  • manifestando la propria opposizione prima dell’emissione delle fatture, come sopra descritto;
  • direttamente all’Agenzia delle Entrate, inviando una e-mail all’indirizzo di posta elettronica pubblicato sul sito internet dell’Agenzia, telefonando al Centro di assistenza  o recandosi personalmente presso un qualsiasi ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate e consegnando l’apposito modello di richiesta di opposizione, scaricabile qui.

 

L'opposizione all'invio telematico dei dati non pregiudica la possibilità di scaricare la vostra fattura: potete, infatti, detrarre comunque le spese sanitarie.

 

Nel caso in cui il cliente non si opponga a suddetta trasmissione dei dati fiscali, essi confluiranno nel mod. 730 precompilato, risultando così accessibili anche da parte delle persone alle quali il cliente è fiscalmente a carico (es: coniuge, genitori).